I principali marchi di auto italiane

L’industria dell’auto italiana ha una storia secolare, spesso legata al lusso e alla sportività, elementi che l’hanno resa unica nel mondo. Ma le auto italiane sono anche praticità e concretezza. In questa guida vi illustriamo i principali marchi di auto italiane ancora oggi in attività, e i modelli di maggior diffusione.

Auto italiane: citycar e super sportive Made in Italy

In oltre un secolo di storia dell’industria automobilistica, l’Italia ha avuto oltre 70 costruttori di automobili. La maggior parte di queste realtà non esiste più, ma ognuna ha contribuito a motorizzare la nazione e trasformare l’Italia in uno dei principali mercati automobilistici mondiali, in termini di produzione e vendita.

Oggi le auto italiane sono conosciute per lo stile, l’eleganza e la sportività, grazie a marchi come Ferrari, Lamborghini, Alfa Romeo e Maserati, che hanno fatto delle competizioni, del lusso e del design, il loro marchio di fabbrica. Ma in Italia si producono auto di ogni genere e per ogni esigenza. La FIAT, per anni l’auto degli italiani, oggi è una multinazionale che opera in tutto il mondo, producendo veicoli di ogni categoria: citycar, auto familiari e veicoli commerciali.

In questa guida vediamo una per una le principali marche di auto italiane in attività:

  • Fiat
  • Alfa Romeo
  • Abarth
  • Lancia
  • DR Motor Company
  • Maserati
  • Ferrari
  • Lamborghini
  • Dallara, Mazzanti e Pagani

Auto italiane: FIAT — l’auto degli italiani.

Auto italiane Fiat

FIAT è il più grande e antico marchio di auto italiane ancora oggi in attività. Fondata nel 1899 a Torino, ha dominato il mercato dal secondo dopoguerra sino agli anni ‘90, motorizzando gli italiani e acquisendo quasi tutti i suoi diretti competitor. Negli anni ‘80 è stata il più grande costruttore europeo di automobili, superando persino Volkswagen.

Negli anni 2000, dopo una lunga crisi, l’azienda si è unita all’americana Chrysler. L’unione ha portato alla nascita del gruppo FCA (Fiat Chrysler Automobiles) che ha rilanciato i marchi del gruppo FIAT negli USA e i marchi del gruppo Chrysler in Europa.

Dal 2022 FIAT, con tutti i suoi marchi (Alfa Romeo, Abarth, Lancia e Maserati), è parte della holding Stellantis, multinazionale nata dalla fusione dei gruppi FCA e PSA (Peugeot S.A.).

La FIAT si è sempre contraddistinta per la realizzazione di auto popolari. Tra i modelli più diffusi, segnaliamo:


Scopri tutte le FIAT

Auto italiane: Alfa Romeo — cuore sportivo

alfa romeo Auto italiane

L’Alfa Romeo è nata nel 1910 a Milano. Realizza auto all’avanguardia e dal carattere sportivo. Alcuni suoi modelli, come la Giulietta (1956), la Spider (1961) o la 155 (1992), hanno segnato la storia del design, dell’ingegneria e delle competizioni automobilistiche mondiali. Per questo le Alfa Romeo sono molto apprezzate dagli appassionati di auto.

Nel 1986 l’Alfa Romeo è stata acquistata dalla FIAT. L’operazione snaturò l’originalità del marchio milanese. Ma nel 2014, il gruppo FCA ha rilanciato il brand con la realizzazione della piattaforma “Giorgio”, sulla quale sono state costruite la Giulia, berlina a trazione posteriore (come da tradizione del marchio), e la Stelvio, primo SUV Alfa Romeo.

Oggi Alfa Romeo è un brand della holding Stellantis. Tra i modelli più diffusi segnaliamo:


Scopri tutte le Alfa Romeo

Auto italiane: Abarth — performance per tutti

Abarth Auto italiane

Abarth nasce nel 1949 a Bologna, come officina specializzata nella realizzazione di kit per l’elaborazione di auto di piccola cilindrata, come la FIAT 500, detta cinquino, rielaborata insieme al carrozziere e designer Pininfarina in numerose varianti ad alte prestazioni.

Nel 1971 Abarth viene acquistata dalla FIAT, per farne l’elaboratore ufficiale delle auto del gruppo impegnate nelle competizioni, come la A112 Abarth, la 124 Spider e le Lancia 037, S4 e Delta.

Nel 2007, con l’introduzione del restyling della FIAT 500, il marchio Abarth viene rilanciato. Oggi come allora, propone a listino versioni speciali della city car torinese, che si rifanno alla tradizione, come la 595 e la 695, e al futuro, come la Abarth 500e, totalmente elettrica.

Abarth è parte della holding Stellantis. Il simbolo dello scorpione è stato scelto in quanto segno zodiacale del fondatore, l’italo-austriaco Carlo Abarth.

Scopri tutte le Abarth

Auto italiane: Lancia — eleganza e velocità

lancia  Auto italiane

Lancia è stata una gloriosa casa automobilistica, in grado di coniugare eleganza e velocità. Fondata nel 1906 a Torino, nel 1969 è stata acquistata dalla FIAT, per creare una gamma di auto di lusso da affiancare a quella popolare del colosso torinese.

Tra gli anni Settanta e Ottanta, la Lancia è entrata nel cuore degli appassionati grazie ad auto come la Stratos, coupé con motore 6 cilindri di derivazione Ferrari, e la Delta, berlina compatta dotata di un sofisticato sistema di sospensioni di derivazione McPherson. Entrambe le auto sono diventate icone del Rally, vincendo tra il 1974 e 1976 e tra il 1987 e il 1992.

Dagli anni Duemila il marchio Lancia ha subito un lento declino. Oggi è parte del gruppo Stellantis, e a listino ha una sola auto: la Ypsilon, city car ricercata ed elegante pensata per il pubblico femminile.

Nei prossimi anni è previsto l’arrivo di nuovi modelli con motorizzazioni elettriche.

Scopri tutte le Lancia

Auto italiane: DR Motor Company — auto low-cost

DR Motor è la più giovane casa automobilistica italiana. Fondata nel 2006 a Macchia d’Isernia (Molise), importa auto economiche prodotte dalle cinesi Chery Automobile e JAC Motors, e le distribuisce sotto il marchio DR.

La prima vettura commercializzate è stato il SUV DR5, motorizzato con il motore diesel Multijet FIAT, seguito dalla monovolume DR2 e dalla citycar DR1. Nel 2019 sono arrivati anche i modelli elettrici, come la DR3 EV.

Tra il 2020 e il 2021 è nato il sub-brand EVO, con il quale il gruppo molisano distribuisce modelli low-cost, permettendo al brand DR di ricollocarsi in una fascia di mercato più alta.

Oggi DR propone a listino diversi SUV, dal cittadino 4.0 al familiare 6.0. Il brand EVO propone i SUV EVO3 e 4, e il pick-up Cross4

Auto italiane: Ferrari — il simbolo del Made in Italy

Se dite a un bambino di disegnare un’auto, la farà rossa. Così disse Enzo Ferrari, fondatore della più famosa casa automobilistica al mondo.

La Ferrari è un simbolo del Made in Italy, ed è uno dei brand più conosciuti e influenti al mondo, nonché uno dei più titolati nel campo dell’automobilismo sportivo. È l’auto da competizione per antonomasia. Ma è anche sinonimo di eleganza, lusso ed esclusività.

La Ferrari nasce nel 1929 a Maranello, in provincia di Modena, come reparto corse dell’Alfa Romeo, gestito da Enzo Ferrari. Diviene ufficialmente casa costruttrice nel 1939, e prese il nome Ferrari nel 1965.

Dalla 250 Testarossa del 1958 alla F40 del 1987, per arrivare alla recente Purosangue (primo SUV Ferrari), ogni auto prodotta a Maranello è realizzata in numero limitato e solo su ordinazione.

Auto italiane: Lamborghini — tauromachia esuberante

La Lamborghini nasce nel 1963 a Sant’Agata Bolognese, per una lite tra Ferruccio Lamborghini, noto produttore di trattori emiliano, ed Enzo Ferrari, patron del noto marchio automobilistico.

Ferruccio, stanco dei difetti al cambio della sua Ferrari, andò a Maranello per proporre ad Enzo alcune modifiche. Ma Enzo lo liquidò, accusandolo di non essere capace di guidare. Ferruccio, per rifarsi dell’affronto, ingaggiò i migliori ingegneri dell’epoca e creò la Lamborghini.

Il successo del marchio arrivò nel 1966, con la presentazione della Miura, auto che inaugurò lo stile esuberante e aggressivo che da sempre contraddistingue il marchio del toro, e che ritroviamo in auto come la Countach (1974), la Diablo (1980) e la Veneno (2013).

Dal 1998 Lamborghini fa parte del gruppo Audi. Nel 2018 è stata presentato il primo SUV: la Urus.

La Lamborghini ha raramente preso parte a competizioni sportive. Molte delle sue auto utilizzano nomi di tori, segno zodiacale del fondatore e simbolo del marchio, in opposizione al cavallino Ferrari.

Auto italiane: Maserati — il tridente di Nettuno

La Maserati è un’eccellenza automobilistica italiana, nata nel 1914 a Bologna come officina di elaborazione auto. Nel 1926 divenne costruttore di auto da competizione, e fino al 1957, anno in cui passò sotto il controllo della Citroen per produrre super car stradali, ha scritto diverse pagine della storia del motorsport.

Tra il 1979 e il 1998 la gestione della Maserati viene ceduta prima alla FIAT e poi alla Ferrari, che provano a salvarla da difficoltà finanziarie. Torna definitivamente sotto l’ala del gruppo torinese nel 2005.

Negli anni Duemila il marchio viene rilanciato con la produzione di alcune lussuose berline, come la Quattroporte (2003), la Gran Turismo (2007) e la Ghilbi (2013), e ritornando nelle competizioni, con la MC12 (2004).

Nel 2016, sotto la guida di FCA, è stato presentato il primo SUV della casa, la Maserati Levante.

Maserati è oggi parte della holding Stellantis. Il simbolo, un tridente stilizzato, è ripreso dalla Fontana del Nettuno che si trova in centro a Bologna.

Auto italiane: Dallara, Mazzanti e Pagani

Dallara è una storica azienda automobilistica specializzata nella progettazione e costruzione di vetture da competizione, come le Formula 3 e le Indie Car. Dal 2017 produce la Stradale, l’unica supercar del marchio omologata per l’uso su strada, da cui il nome.

Pagani nasce nel 1991 per volontà di un ex dipendente Lamborghini: l’italo-argentino Horacio Pagani. Nel 1999 realizza la Zonda, un’iconica hypercar prodotta in numerose varianti. Una di queste, la Zonda Barchetta HP, è stata prodotta in 2 soli esemplari del valore di 20 milioni di euro l’uno.

Mazzanti Automobili è una sartoria automobilistica. Nata nel 2002 nei pressi di Pontedera come officina restauro auto d’epoca, dal 2010 realizza vetture sportive ad alte prestazioni, interamente disegnate, progettate e assemblate a mano.

Compra la tua auto online facilmente!
Trova la tua auto