Auto giapponesi: tutte le marche e le caratteristiche

Quest'anno è il marchio giapponese Toyota ad essere in cima alla classifica delle vendite di auto in tutta Europa! Tuttavia, ci sono molti altri marchi interessanti provenienti dal Giappone. Scopri quali sono i modelli disponibili sul mercato.

Un paese dove la tecnologia prospera

L'auto giapponese è un mix di ingredienti diversi e spesso opposti. Tecnologicamente avanzato, ma sempre fedele alla tradizione, aderente alla semplicità e alla bellezza, egualitario, ma anche con un tocco di lusso. Questo mix eterogeneo è la ricetta del suo successo.



Marchi automobilistici giapponesi

Attualmente esistono 12 marchi automobilistici giapponesi famosi. Questo gruppo è composto dai cinque principali produttori, tra cui i maggiori colossi giapponesi come Toyota, Honda, Nissan, Mazda e Mitsubishi, oltre agli altri tre marchi più discreti: Suzuki, Subaru e Daihatsu. Gli altri quattro marchi - Infiniti, Lexus, Acura e Scion - sono filiali di grandi aziende, con veicoli più lussuosi.
Iscriviti alla nostra Newsletter!
Rimani sempre aggiornato! Ricevi consigli esclusivi, informati sulle ultime novità di Autohero e molto altro ancora.

Toyota

È il marchio di auto più venduto al mondo. Deve gran parte della sua reputazione all'affidabilità dei veicoli che produce. Una ricerca americana ha dimostrato che tra le auto vendute negli ultimi 20 anni, Toyota ha la più alta percentuale di auto ancora funzionanti.

Non è la fine dei record del marchio giapponese. Anche l'auto più venduta al mondo nel 2021 proviene dalla scuderia Toyota con la Toyota Corolla.

Toyota ha due piccoli marchi:
Lexus - un marchio premium il cui compito è quello di competere con i giganti tedeschi del segmento delle auto di lusso.

Scion - un marchio che produce per il mercato statunitense. Il portafoglio di Scion è composto principalmente da city car piccole e accessibili. I modelli Toyota più conosciuti:



toyota yaris

Honda

Tutto è iniziato con un semplice motorino. Dalla creazione della sua prima moto, Honda è diventata rapidamente il più grande marchio di moto in Giappone. Negli anni '60, l'azienda iniziò a produrre anche auto sportive, autovetture e persino camion. Il modello più iconico del marchio è la Honda Civic, di cui sono state prodotte oltre 24 milioni di unità.

Attualmente Honda si sta concentrando sulla creazione di veicoli a emissioni zero. Tra le proposte del marchio c'è il modello FCX Clarity del 2006, alimentato a idrogeno.

Honda ha anche un proprio marchio premium chiamato Acura, destinato al mercato statunitense.

Rappresentanti famosi del marchio:



Honda HR-V

Nissan

Un marchio che negli ultimi anni è diventato famoso per la produzione di SUV e crossover. Il marchio giapponese con sede a Yokohama produce soprattutto auto per il mercato statunitense, che includono, tra l'altro, grandi SUV, non disponibili in Europa.

Il marchio è per il 40% di proprietà dell'azienda Renault, motivo per cui molte auto utilizzano motori francesi.

Il marchio esclusivo di Nissan è Infiniti. Nel 2020 si ritirerà dal mercato europeo, sviluppando il suo potenziale negli Stati Uniti e in Cina. I rappresentanti dei marchi più popolari:



nissan qashqai
Iscriviti alla nostra Newsletter!
Rimani sempre aggiornato! Ricevi consigli esclusivi, informati sulle ultime novità di Autohero e molto altro ancora.

Mazda

Mazda ha una propria filosofia di marca, chiamata zoom-zoom, che è stata sviluppata durante la progettazione della Mazda 6. L'obiettivo è quello di offrire al conducente e ai passeggeri il massimo piacere di guida, paragonabile alla gioia di un gioco da ragazzi. I pilastri di questa filosofia sono la bellezza, la tecnologia e il design.

La forma delle auto Mazda è stata progettata per assomigliare alla silhouette di un ghepardo, enfatizzando le linee agili e le prestazioni veloci.

I modelli Mazda più richiesti:



Mazda CX-3

Mitsubishi

Mitsubishi si è costruita un'immagine di produttore di auto sportive. Il marchio vanta una forte posizione nel mondo degli sport motoristici. La prima auto a dare il via a questa tendenza è stata la Mitsubishi Lancer.

Mitsubishi fa parte di un'alleanza costruita con Renault e Nissan, in cui i marchi si scambiano il meglio della tecnologia, ognuno rivolto a un mercato diverso. Le auto giapponesi di Mitsubishi sono vendute principalmente in Australia, Thailandia, Vietnam e Indonesia. Il nome Mitsubishi è sinonimo di tre diamanti, che si ritrovano anche nel logo del marchio.

Modelli Mitsubishi famosi:



Mitsubishi Outlander

Suzuki

L'obiettivo dell'azienda, che inizialmente produceva macchine per la tessitura, era quello di creare un'auto compatta ed economica. Il primo veicolo lanciato in vendita è stato il modello Suzulight. Suzuki si occupò anche della produzione di motociclette, di cui una delle scoperte più importanti fu il modello Hayabusa GSX1300R. Il motore poteva raggiungere una velocità di oltre 330 km/h e impiegava 2,5 secondi per accelerare a 100 km.

Il portafoglio di marchi è vario. Include sia le piccole auto da città che i massicci SUV, oltre ai fuoristrada.

Le auto giapponesi di Suzuki:



suzuki jimny
Iscriviti alla nostra Newsletter!
Rimani sempre aggiornato! Ricevi consigli esclusivi, informati sulle ultime novità di Autohero e molto altro ancora.

Subaru

Prima di diventare una leggenda, il marchio produceva inizialmente autobus, camion e piccole city car. Subaru è diventata famosa per aver creato autovetture con quattro ruote motrici, che possono essere utilizzate in condizioni più difficili, come strade innevate e terreni montuosi.

Das Logo der Marke besteht aus sechs Sternen - auf Japanisch bedeutet der Name des Unternehmens 'Plejaden'.

Il logo del marchio è composto da sei stelle: in giapponese, il nome dell'azienda significa 'pleiadi'.

Un fatto interessante è che Subaru è molto apprezzata dai proprietari di cani, in quanto le auto sono progettate anche per la sicurezza degli animali che trasportano.

I modelli di punta del marchio:



Subaru Outback

Auto giapponese: caratteristiche speciali

L'auto giapponese è principalmente associata all'affidabilità, alla longevità e al progresso tecnologico. Quali sono le altre caratteristiche delle auto giapponesi?

Design perfetto

L'auto giapponese unisce bellezza e tecnologia. Alcuni marchi fanno riferimento alla cultura tradizionale giapponese nella loro filosofia di design, mentre la silhouette da ghepardo delle auto Mazda fa riferimento al mondo naturale.

I designer si ispirano spesso alla filosofia Zen, secondo la quale la bellezza è sempre associata al movimento, quindi le forme ideali non sono necessariamente sculture, ma piuttosto vento o acqua.

auto giapponesi design

Buon rapporto qualità/prezzo

Già nel 1956, Honda annunciò il suo manifesto in cui esponeva il suo approccio alla produzione di automobili: Vogliamo fornire prodotti di altissima qualità a un prezzo ragionevole per garantire la soddisfazione dei clienti in tutto il mondo.

Molti marchi giapponesi hanno seguito questa strada, creando auto affidabili a prezzi accessibili. Rispetto ai marchi europei, le auto giapponesi sono spesso più convenienti. Trova i modelli più convenienti online su Autohero!
auto giapponesi qualità prezzo
Iscriviti alla nostra Newsletter!
Rimani sempre aggiornato! Ricevi consigli esclusivi, informati sulle ultime novità di Autohero e molto altro ancora.

Affidabilità

I giapponesi amano il minimalismo. Questa tradizione è visibile anche nel modo in cui vengono progettate le automobili: la loro costruzione deve essere resistente e facile da riparare. Un altro vantaggio è l'alta disponibilità e il basso prezzo dei ricambi.

Un'auto giapponese di solito ha un motore indistruttibile ed è tecnologicamente avanzata. Lo dimostra la Toyota centenaria, che non ha ancora bisogno di essere riparata nonostante i tanti chilometri percorsi.
auto giapponesi affidabilità

L'industria automobilistica giapponese in breve

Dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, il Giappone si concentrò sullo sviluppo in due direzioni. La scienza e la tecnologia erano i nuovi pilastri su cui si sarebbe costruito il futuro del paese. Fu questa la direzione che portò alla nascita di giovani generazioni di scienziati che costruirono il potere giapponese.

Il vero boom delle auto arrivò in Giappone con la Guerra di Corea. Gli americani, invece di importare auto dagli Stati Uniti, volevano acquistarle dal Giappone. L'industria automobilistica giapponese iniziò a svilupparsi a ritmo sostenuto, sfruttando le conoscenze degli scienziati e le ricerche condotte nel paese. In effetti, la prima auto 4x4 è stata costruita in Giappone.

Negli anni '60, quando il paese ha iniziato a esportare auto giapponesi, la loro reputazione non era delle migliori. Sono stati acquistati piuttosto per il loro basso prezzo, causato dalla differenza tra lo yen e il dollaro. A sua volta, negli anni '70, a causa della crisi petrolifera, l'auto giapponese divenne un bene ricercato, poiché i motori giapponesi erano economici in termini di consumo di carburante. Iniziò così la fama delle auto giapponesi: gli automobilisti le amavano per la loro efficienza nei consumi e per le dimensioni ridotte, ideali per la guida in città.

La cultura dell'auto in Giappone

Il Giappone è famoso per la sua cultura otaku. I giapponesi amano le auto sportive e i giochi di corse. Tuttavia, questa tendenza si scontra sempre più spesso con l'ecologia: sempre più automobilisti passano dalle auto sportive diesel alle auto elettriche.

Negli anni '90 il Giappone era famoso per la produzione di auto divertenti, che ancora oggi sono considerate auto di culto. Un'auto giapponese di quest'epoca è un modello con un'enorme potenza del motore e una forma originale della carrozzeria che può essere personalizzata. Grazie al loro aspetto cosmico e alle grandi prestazioni, questi veicoli hanno ispirato videogiochi popolari, come GTA. Le auto giapponesi iconiche degli anni '90 erano, tra le altre, la Toyota Supra o la Nissan Skyline GT-R.

Kei auto

Si tratta del tipico segmento delle utilitarie giapponesi, che comprende vari tipi di carrozzeria, tra cui SUV e furgoni. Ciò che le accomuna sono le dimensioni ridotte, adatte alla guida in città affollate. Tutte le auto kei hanno anche targhe nere e gialle.

La loro grande popolarità nel Paese del Sol Levante è influenzata dal fatto che i proprietari di kei car ricevono notevoli sconti dallo Stato (ad esempio, pagano tasse o assicurazioni più basse). Nel 2016, le kei car hanno rappresentato fino al 30% di tutte le auto nuove vendute nel mercato giapponese.

Le prime auto kei sono la Suzuki Suzulight e la Subaru 360, entrambe con un aspetto arrotondato, quasi da cartone animato.

Domande frequenti

Trova la migliore polizza assicurativa per il tuo veicolo Autohero
Trova ora la mia auto